Se quello che capita a una famiglia come tante non ti basta, c'e' sempre Google!

sabato 22 dicembre 2007

Er Sermone De Natale 2007

Come ogni anno é tornata l' usanza
che svota i portafoji e te gonfia la panza
che te ritrovi ar tavolo a confida' all'amici
che co' la tredicesima ce devi paga' l'ICI

Artro che pokerini e tombole cor nonno
quest'anno li facioli fanno compagnia ar tonno
che pure sto sarmone, che viene da lontano
e' robba da ministri o fiji de surtano.

Sara' per autarchia, o semplice onanismo
e pure un friccichetto de sano qualunquismo
ma quanno ho visto er costo der pesce e der pandoro
che ar chilo ormai li prezzano direttamente in oro
aho me so' deciso, ormai é rivoluzione
de nu portà rispetto a questa tradizione.

Me ce vorebbe un mutuo pe accontentà la prole
che grazie a mediasette sa già quello che vole
castelli de la barbie, nintendo qui e là
le bambole che cacano e che l'hai da cambià
le fate colle ali, li pattini d'argento...
ma tanto da sta recchia quest'anno nun ce sento.

Ne faccio na missione vojo esse d'esempio
bisogna falla fine co tutto questo scempio
la sera de Natale, invece der cenone
se magna na pizzetta e poi tutti ar lettone.

E si le regazzine vonno Babbo Natale
je spiego che quest'anno me sa je dice male
pare che l'artro giorno, un solerte funzionario
de quelli che riscotono li sordi pe' l'erario
aveva ritrovato na murta già prescritta
pè sosta in doppia fila, due renne cò la slitta
ma senza reticenza, come per lui normale
aveva fatto er fermo a lui, Babbo Natale!

Con more impicci e imbrogli, tutto considerato
er debito era enorme, direi spopositato
e in un batter di ciglia, che i giorni erano pochi
j'é stato pignorato er deposito dei giochi

Impossibbilitato a riscattà l'azienda
er Babbo s'é ammalato, é seria la faccenda
e invece de beccasse un male de staggione
er vecchio co' la barba é annato in depressione.

Invece de cantà e sonà la campanella
sarmodia le canzoni de li fratelli Bella
e se quarche nanetto je porta da magnà
lui prima lo canzona, poi lo manna a cacà

Siccome la faccenda é proprio messa male
se sò messi a cercà quarcuno sur giornale
"Giovane rubicondo, gioviale e preparato
pé lavorà da subito, e ben remunerato!"
Ma invece de trovasse tremila candidati
sortanto dù romeni se sono presentati
perché ce sta la crisi, e nun ce stanno sordi
ma a Natale er popolo pensa a fa li bagordi.

Cosi' siccome er monno é bello perch'é vario
quest'anno Santa Claus é stracommunitario
si tanto me da tanto e l'esperiensa insegna
sarebbe già un successo si imbrocca na consegna

Te immaggini a Mancini j'ariva 'na bacheca
riempita cò le foto de Adriano in discoteca
mentre al lazial Lotito, gran moralizzatore
un pacco bello zeppo de copie de Le Ore

a la moje de Totti, madre senza alcun cruccio
er terzo de la serie da fà azzittì cor ciuccio
si penso ar Cavaliere, de sbaji non ne fai
je manca solamente la presidenza in RAI

Ma mentre me scompiscio a immagginà l'ebbrezza
de quelli der pallone che scartano monnezza
guardo mi fija triste che pensa ar suo castello
che piagne perchè Babbo Natale é poverello
ecco che ce ricasco ner ricatto morale
piglio la Master Card: festeggerò er Natale!

lunedì 3 dicembre 2007

Life Sharing


Quanno fori piove, a vorte me piglia la malinconia.
Oddio, forse e' mejo de quanno c'e' la canicola e me ne vorrei sta spaparanzato ar sole come ogni cristiano che se rispetto.
Pero' quanno piove me scatta un rele' ner cervello.
E me viene da pensa' quanto sarebbe mejo avecce tanti de quei sordi da pote' decide ogni giorno er posto ndove sta.
Insegui' er sole, da' er pilotto alla primavera, prenne er primo volo pe' una destinazione improvvisa e improvvisata, senza tanta robba appresso che quella che te serve ndo vai la compri e quanno te ne rivai la lasci ar prossimo tuo.
Nell'era der bike sharing io me vorei inventa' er Life Sharing: voi fa' 'na giornata da poveraccio? tu invece voresti passa' un periodo da magnate? Eccote all'Aggenzia der Life Sharing!

Me la immaggino cosi'...

Prego, mi si accomodi pure... aspetti che accedo ar nostro immenso database che un poveraccio che rinuncia volentieri ar tran tran de tutti i giorni, ma pure per tutta la settimana, lo trovamo senz'altro.
Ecco, lo vede questo? Questo e' perfetto, ariva a fine mese co' la lingua che pulisce pe' tera e un fiatone a mantice che pare che tira tramontana.
Abitazione modesta ma confortevole, mezzi de trasporto adeguati ar casino de Roma, ufficio trasandato quanto basta pe' potesse lamenta' de le condizioni de lavoro.
Fantastico direi, non trova? Allora, Lei se fa' una settimana da poraccio, e la Sua controparte pe' una settimana gode come un mandrillo: aereo privato pe' spostasse da un capo all'altro dell'emisfero australe pe' anna' a vede quella mostra o quella partita de pallone, babysitter con la sesta de reggipetto appena sbarcata sulla prima paggina de pleibboi, che prima coccola le regazzine poi coccola er bambinello, la sorella de Yannick Noah come domestica che come casca un granello de porvere lo riccoje co una vole' de dritto de paletta, lettone cor materasso ripieno de bollicine de sciampagna accuratamente selezionate e separate una ad una come le sottilette Tigre.
Come? Perche' Lei murtimijardario annoiato dovrebbe fa' sto scambio alla pari? Ma proprio perche' e' annoiato! Cosi' dopo una settimana de passione aritorna tra le commodita' che le Sue 18 carte de credito illimitato le consentono, e potra' apprezzare mejo la fortuna che je' toccata.
Aspetti che chiamamo er poveraccio, che lo informiamo che Lei e' d'accordo...
Pronto, il signor Aldo? Guardi allora, avremmo trovato uno che ce sta a fa scambio de vita pe' una settimana.
Sine, e' proprio come lo desiderava lei, e' pieno de sordi come un otre, trabocca bancomat, rutta dollari e scureggia in euro che er cambio e' favorevole.
Come? Rinuncia? E perche' cazzo rinuncia? Perche' cia' paura de nun riusci' piu' a riabbituasse alle piccole cose de tutti i gioni... ar soriso de le regazzine quanno torna a casa co' du' pacchetti de figurine... a su' moje che je rimbocca la coperta quanno se addorme sfatto sur divano... a la partita de la Roma...
Signor Aldo, le posso di' 'na cosa? Ma vaffanculo!

Gnente, era un sogno ad occhi aperti.
Me squilla er telefono.
Ma nun e' la signorina di cui sopra...
Me tocca arisponne, ve saluto.

giovedì 29 novembre 2007

'Ndannamo dominamo....

Guardate er circoletto rosso: secondo me questo e' proprio un ROM... ANISTA!!!!




mercoledì 28 novembre 2007

M'illumino di immensa indignazione

Probabilmente io non sono all'altezza, pero' magari qualcuno me chiarisce le idee...

Alla continua ricerca di tutte le opportunita' possibili e immaginabili de fa' quadra' i conti de casa, mi accingo a valutare la nuovissima campagna promozionale dell' ENEL sulla OFFERTA BIORARIA.
Siccome ce stanno a martella' i maroni co' st'iniziativa, che te la ritrovi su tutte le Radio private e nazionali a tutte le ore del giorno, me ne vado sul sito e mi approprio della documentazione legata all'offerta.
Gia' pregusto un risparmio enorme - basta che levo gli interruttori della luce e stacco le spine degli elettrodomestici durante il giorno, per poi ripristinare il tutto durante le ore serali e notturne - ma poi me leggo ben bene il prospetto.





Ora, ripeto, proprio cretina non sono, ho studiato e cio' diversi anni de lavoro alle spalle, anche de una certa responsabilita'.... ma a legge 'ste tabelle, me lo spiegate voi dove starebbe tutta 'sta convenienza?

Cioe', io metto ar buio casa pe' tutto il giorno, e tutto quello che me rimane sarebbero i bonus? cioe' i 500 punti energia, la domiciliazione delle bollette e l'iscrizione gratuita ar fantomatico programma EnelPremia? Ma a legge ste tabbelle tutta sta monnezza la pago pure, manco ce vado para...

Ce sta' quarcuno che me saprebbe spiega' in termini semplici e concreti:

PER QUALE CAZZO DE RAGGIONE IO DOVREI ADERI' A 'STA FANTASTICA OFFERTA?

Nun e' che per caso alla fin fine e' la solita pesca ner mare magno della gente che nun legge e firma?

No, perche' io firmo poco e leggo tanto...

Attendo.... lumi!

venerdì 23 novembre 2007

T'a vo' fa' ffa' 'na foto..?

Come ogni mattina, anche oggi me ne sono andato a fare un "giretto" virtuale tra i vari siti web dei maggiori quotidiani nazionali, sportivi e non.
Ed ecco che su "Il Messaggero" trovo un articolo che promette bene:
"Sesso, tedesco inventa il primo preservativo spray:servirà a superare i problemi di dimensioni" che potete leggere integralmente QUI.
La sintesi e' che un genio della trombata si inventa una bomboletta spray che te la spruzzi sul pisellino (o pisellone) e vai tranquillo che non fai danni.
Parrebbe la panacea di tutti coloro che, per problemi di dimensioni, hanno difficolta' ad utilizzare il goldone standard. Dato non trascurabile, pare che si risparmia pure, il che non guasta.
Ma quello che m'ha fatto letteralmente CAPPOTTA' dalle risate e' la foto che hanno messo a corredo dell'articolo.
Siccome temo che se ne accorgano e la cambino quanto prima, ve la propongo di seguito:








A questo punto scatta l'indagine popolare: secondo voi, la didascalia perfetta quale sarebbe?

A. cazzo, so' proprio cecato e ho sbajato mira!

B. aho, ho comprato sto novo profumo in farmacia, se chiama "Schizzafori", senti quant'e' bbono!

C. ma te pare che me passi davanti proprio quando sto facendo un graffito sul muro der palazzo de fonte all'Ufficio de Berlusconi pe' dimostraje che so' dalla sua parte quanno dice che vole una Italia pulita!

D. si va bene pe' la cappella, figuramose pe' i testa de cazzo....

Votate numerosi.

mercoledì 21 novembre 2007

Vu cumpra'?

Me viene incontro.
Sara' alto du' metri, e se vede che e' Africano.
None, nun cia' er gonnellino de banane, la sveja ar collo e l'osso ner naso.
E' africano, punto e basta.
Mano mano che avanza, tira fori da sotto un cumulo de carzettoni de dubbia provenienza e qualita' - che me li vole spigne, ce lo so benissimo - 'na manona nera e bianca che pare un Ringo da un chilo e me la tende in segno de pace universale.

Poi apre bocca: "Ue', guaglio'..."

Nun ce stanno piu' manco li vucumpra' de 'na vorta...

lunedì 19 novembre 2007

Ikea, ma che idea... der ca.....

Saro' banale e qualunquista.
Ma a me l'IKEA sta sui coglioni.
Dice, ma che t'avra' fatto mai st'IKEA.
Gnente.
Nun m'ha fatto gnente de personale, almeno.
Me sta sulle palle pe' principio.
Adesso capisco perche', per anni, ho sempre sperato de potemme permette una casa piena de mobbili antichi. Mica dico pezzi de grande ebanisteria: dico quella roba bella solida che brilla de luce propria solo perche' te racconta de quanno li mobbili venivano fatti uno per uno, solidi, robbusti, de legno vero e non de truciolato.
E invece oggi, quanno te serve quarcosa, ce sta l'IKEA.
Hanno preso i drakkar e invece de stivalli de merci preziose, li hanno riempiti de pezzi a incastro tutti uguali.
So' arivati dappertutto, hanno costruito dei veri e propri grattacieli e cianno stivato dentro chilometri cubbi de compensato dai nomi incomprensibbili: LOMEN, FEVIK, MALM, HEIMDAL, ma che cazzo vorranno di', me chiedo... ma nun era piu' cortese chiamalli che ne so, AURORA, TRAMONTO, ORA DE PRANZO, COLAZIONE, PENNICHELLA... giusto un'idea, no?!?
Comunque...
I prezzi so' concorrenziali, dicheno.
E poi, li mobbili li fai come te pare a te, te li porti a casa e se montano da soli.
Scusate er francese: sto cazzo, che se montano da soli.
Ma tocca comincia' dar principio, e er principio e' che ste regazzine crescono, li vestiti nun se buttano mai che se li passano una coll'artra, e alla fine della fiera ce serve un nuovo armadio.
Gia' m'ero immolato alla causa addirittura er giorno festivo de Tutti i Santi, che m'ero caricato la famiglia e assieme a nun se sa quante migliaia de persone me so' ritrovato drento a sta Babele svedese ar nuovo quartiere de Porta di Roma pe' sceje er fatidico armadio.
Lasciate le due piu' grandi ar centro giochi (dopo una procedura d'ingresso degna de una visita alla NASA), se semo incamminati pe' chilometri quadrati stipati de mercanzia che solo a guardalla, co' tutto quell'acciaio, quelle plastiche, quei legni dar colore grezzo, me veniva er voltastommaco.
A forza de scrive codici, prende misure, confronta' elementi modulari tutti uguali, conteggia' nummero de ripiani, de cassetti, de aste, de pomelli, de viti e de bulloni, arivamo ar banco accettazzione pe' scopri' che parecchi pezzi dell'armadio prescelto nun ce stanno, e tocca ordinalli.
L'avevo praticamente scampata, sarvo poi anna' ar megacentrocommerciale adiacente e magna' come le bestie un pezzo de pizza non cotta ar prezzo de 'na bistecca de chianina, e solo pe' fa' contente le regazzine...
Tornamo a casa senza armadio, allora Barbara comincia a cercallo su PortaPortese... e banfete, ce sta uno che venne li pezzi dell'armadio nostro a meta' prezzo! Incredibbile aho, li mobbili IKEA de seconda mano... praticamente un affarone... cosi' sabato pomeriggio partimo colla station wagon e se ne annamo a piglia' sta robba.
Er collo medio pesa armeno 70 chili, ma al ritiro ce sta er proprietario che me aiuta a caricalla...
Er bello arriva iermattina, quanno, solo soletto, me metto a scarica' la machina e a porta' li pacchi a casa mia, du' piani de scale, na tramontana gelida che me se rinsecchiscono le palle... ce stavo pe' rimette la pelle....
Co' un mar de schiena da ricovero, ner pomeriggio comincio l'ardua opera de assembla' 'sti palanconi arti du' metri e 40 che se incastrano co' una miriade de perni de legno, de viti a zigozago, de pezzetti de metallo a uncino che si te sbaji a metteli e cerchi de levalli, er truciolato te se crepa e sei spacciato...
La faccio breve: pe' monta' sto cazzo de armadio cio' messo piu' de tre ore, me so' struciolato la schiena e ancora lo devo inchiavarda' ar muro e pure fissa' li pezzi tra loro. Poi arriveranno li sportelli e li ripiani, e ce vorra' un antro pomeriggio sano.
E quanno guardo sto monumento ar risparmio, ar pragmatismo scandinavo, all'arte povera, alla quintessenza der componibbile che troneggia in cammera delle regazzine, piu' che la soddisfazzione de avello montato, me viene la voja de pija' un'accetta e facce li furminanti de la cucina.
Ma magari so' io che so' fatto male... so' come li mobbili antichi... tutto de un pezzo....



venerdì 16 novembre 2007

La Cattedrale del mare



Era una vita che nun me veniva da piagne leggendo un libbro.
So' sempre stato una specie de cannibbale onnivoro, in materia de libri: quarsiasi cosa me danno, basta che se capisce e che non abbia troppa puzza sotto ar naso, me lo divoro letteralmente.
E cosi' complice l'ennesimo viaggetto de lavoro, stavolta direzione Puglia, ecchime in mano sto mattone de 600 e passa paggine che gia' a vede tutte ste croci e atmosfere mistiche ero quasi pronto a annammene alla prima edicola e accontentamme der primo gialletto senza significato, ma se non artro scacciapensieri.
E invece ecco che me invischio in una trama ambientata all'anni der cuccu'
(quelli bravi direbbero quattordicesimo secolo) in una Spagna medievale schiacciata da un lato da tutti sti signorotti gaudenti corrotti e prepotenti, dall'artro lato da una Chiesa che se capisce come mai poi adesso cianno li mejo palazzi der monno, pe' nun parla' der contribbuto della fame e delle carestie.
E la costruzzione de una cattedrale che viene eretta a spese der popolo e costruita sur sangue, sur sudore e sulla fede de li poveracci fa da sfondo alle origgini, la vita e li sarti mortali de un poveraccio che nasce sfigato, e arriva a diventa' uno dei piu' ricchi de Barcellona.
Quello che je succede a questo te fa' capi' quanto le cazzate che ce fanno butta' sangue ai giorni nostri siano, come appunto detto, delle cazzate.
Ce mannerei l'amichetti ULTRAS a fa' li stronzi contro li sordati der Re, o contro l'esercito popolare de Barcellona...
Incuriosito da sta cattedrale che ce metteno piu' o meno li stessi anni che ce metteremo noi pe avecce una metropolitana decente a Roma (solo che sta cattedrale la costruiscono co' le pietre portate a spalla da li scaricatori de porto dell'epoca, mica coi caterpillar che ce stanno oggi...), me so' fatto un giretto su Internet e me so' rubbato quarche fotografia, che ve metto ner firmatino che segue.
Comprate sto libbro, regalatevelo e regalatelo a Natale, che e' una bomba e ve rimette pure l'animo in pace, co' voi stessi e pure nei confronti de sto bambinello che sta' pe' nasce, che se ce lo avesse saputo de quanto ciavrebbero magnato sopra, me sa' che decideva de rimanessene lassu' a fasse l'affari sua...



venerdì 9 novembre 2007

Cartelle Pazze due, la vendetta....


Io vorrei capicce quarcosa.

Dopo il fermo amministrativo dell'autovettura minacciato sulla base di una serie di cartelle assurde e scampato alla bell'emmeglio (cancellato il 65% di quanto richiesto e costretto a pagare una roba assurda per disperazione piuttosto che per reale debito nei confronti dell'ente che reclamava il debito), ecco che me ne arriva un altro, stavolta sullo scooter.

Detto che me piacerebbe faje sape' che quello scuter e' una truffa e che sono in attesa che il Giudice di pace prima e il tribunale poi riescano a calendariare una causa che mi vedra' sicuro vincitore (sapete perche' so' sei mesi che aspetto? perche' i giudici sono sommersi dalle cause legate... alle multe!)...

Stavorta stamo a parla' de murte der duemila mai notificate.... allora diventano cartelle esattoriali e il messo comunale viene a casa 15 volte, ma nun ce trova nessuno, perche' se tu vieni com'e' logico durante i giorni che la gente lavora come te, allora e' normale che nun trovi nessuno, perche' la gente sta al lavoro proprio come te...

Allora, in base alla legislazione vigente, che succede? semplice: la notifica, per irreperibilita' der sottoscritto, dei familiari, der cane, der portiere che nun c'e', de un vicino che nun se sa' perche' dovrebbe ritira' la posta ar posto mio, viene fatta ar comune de residenza.
Er comune de residenza, attesta che sta robba e' stata affissa ar comune (e grazie ar cazzo, ma chi ce passa in comune a vede se per caso hanno messo i manifesti si nun sai gnente?), e il messo comunale dice che m'ha mandato le raccomandate...
Ma ste raccomandate, a me nun me so' mai arrivate, e mai ho trovato l'avviso nella buca delle lettere...
Allora, detto che er messo comunale nun credo manco io che dice le cazzate... ma io che cazzo ne so' si quarcuno per dispetto nun me butta la posta? Perche' la cassetta delle lettere sta drento a un androne de un palazzo senza portiere il cui portone e' aperto quasi sempre perche' ar paese la machina a volte se lascia co' le chiavi attaccate ar quadro senza che nessuno te rubbi manco un Arbre Magique... e se io facessi er pilota all'Alitalia e stessi via 2 mesi de fila, cor cazzo che ritiro la notifica...

Io lo giuro.. sta robba nun l'ho mai ricevuta. E siccome la notifica e' stata fatta cosi' come l'ha pensata er leggislatore, io a suo tempo nun ho potuto contesta' le cartelle.
E ner tempo ste cifre se so' raddoppiate, triplicate, e chiaramente mo' ce mettono er fermo allo scuter, che a me me costrigni a anna' a Roma co' la machina e a ingorfa' er Raccordo assieme ai milioni de poveracci che vanno in lavoro in macchina.

Io nun cio' una soluzione, sinceramente... pero' me pare che tutto sto' giro sia in quarche modo pieno de storture... ma come fa' un poveraccio che vive da solo? che i vicini je fanno li scherzi? oppure uno che sta all'ospedale, o uno che viaggia per settimane intere per lavoro...
Possibbile che sti capiscioni superpagati nun possano trova' un modo piu' umano de rintraccia' er contribbuente? de daje la certezza della comunicazione?

La verita' e' che tutte ste contravvenzioni fatte senza contesta' l'infrazione immediatamente so' una cajenna. Ma tu fermeme, famme vede che annavo a 120 indove se doveva anna' a 80. Famme firma' er verbale, e inculame a sangue. Ce sto.

Ma nun me poi fa' paga' misteriose contravvenzioni de 7 anni fa, che nun se sa' come dove quanno e perche' e che nun ho pagato perche' nun ce lo sapevo che me le avevi fatte... e che adesso se so' triplicate ner tempo... e che me fermi l'unico mezzo de spostamento che cio' pe' anna' a lavora' senza mori' de pizzichi...

Nun e' possibbile.

Metteme nelle condizioni de nun potemme difenne ma no' perche' m'hai legato le mano, m'hai messo er bavaglio e pure un tappo ar culo pe' nun senti' manco le scuregge... ma perche' ciai raggione tu e io cio' torto, e allora siccome ho sbajato, pago e muto, e si parlo allora me dai pure du' schiaffi....

Vorei solo esse messo nelle condizioni de sputamme in faccia da solo, se necessario... e dimme "lo vedi quanto sei stronzo, ce lo sapevi che eri a rischio purga, che cazzo te sei messo a fa' er zigozago sulla Salaria a 90 all'ora quanno er limite e' 70? T'hanno fermato e te se so' ingroppati e me pare pure giusto!" e giu' sputi in faccia davanti allo specchio.
E invece no.
Me tocca sbatteme pe' capi che m'hai inculato ner sonno senza vasellina, e cosi' nun cio' provato manco gusto perche' nun me ne so' accorto.

Io penso che si quarcuno ariva e dice che leva le strisce blu e cancella li database della GERIT e dell'Equitalia e che se ricomincia da capo con regole certe, giuste e sicure, se stravincheno l'elezioni.

E se evitano piu' ingiustizzie dei torti che se raddrizzano.

lunedì 5 novembre 2007

Le parole che non ti ho detto...


Buongiorno, amore mio (o buonanotte?!?)
Scusa ma e' da ieri sera mentre stiravo che volevo parlarti, ma non ho fatto in tempo.
Si tratta di Carla, e del momento un po' difficile che sta atraversando... nulla di preoccupante, certo, pero' penso che i suoi atteggiamenti a volte scostanti, altre volte capricciosi, nascondano una certa insicurezza.
La qual cosa non e' per lei nuova... ma che temo sia aumentata ultimamente. Non so da cosa dipenda: forse dalle sorelle (soprattutto, quando siamo in giro le persone hanno sempre un occhio di riguardo o per Donatella e i suoi occhi azzurri, o per Emilia che e' cosi' piccola...), forse dalla nuova classe a scuola, o forse solo dall'eta'.

Se sei d'accordo, credo che sia nostro compito cercare di aiutarla, di renderla piu' sicura e piu' forte in tutti i modi possibii, che non cuol dire dargliele tutte vinte... pero' cerchiamo di non aggredirla, di non farla sentire non capace, di spronarla ad aprirsi, forse anche a capirsi da sola, ad esprimersi; cerchiamo di accettarla ed amarla per quell che e'.
Forse tu non te ne rendi conto, ma spesso tendi a - non riesco a trovare il termine giusto - denigrarla (no, e' esagerato), non so... a farla sentire inadeguata... magari tu scherzi, ma ti assicuro che a volte e' difficile capirlo per me, figuriamoci per una bambina di 6 anni... non e' facile capire una sfumatura nel tono di voce, nelle espressioni...
Per lei magari rimanse solo la frase che hai detto, le parole nude e crude, nel loro puro significato.
Lo so che non e' facile, anche a me a volte capita di usare qualche parola di troppo, di alzare la voce, o usare un tono aggressivo. Pero' cerchiamo di ricordarci che e' ancora solo una piccola sensibile e solcissima bambina di sei anni... anzi LA NOSTRA piccola sensibile e dolcissima bambina.
Ecco, dopo un piccolo piantarello auto-indotto, correi solo stringerla forte forte a me, come quando era piccola piccola, per farle sentire quanto la amo e quanto la amero' sempre. Chissa', forse anche un po' di coccole in piu' da parte nostra potrebbero aiutarla.

Scusa lo sfogo, ma se non lo facevo mi sentivo male.
Ci sentiamo dopo

Barbara.

Vedi de svejatte.
Mentre tu stai sbracato sur divano, a me me tocca stira' e pure a pensa' alle cose serie, e nun cio' tempo de discute co' uno che la domenica pare rintronato tra na' partita de pallone e l'altra.
Se tratta di Carla, e der periodo assurdo che attraversa, ogni giorno ce n'ha una nova... e me pare che annamo sempre peggio.
E' inutile che pensamo che dipende dar fatto che la gente pe' strada fa' li complimenti a le sorelle: none, la corpa e' tua, che la cazzi in continuazzione.
Poi fai pure finta che scherzavi, ma ce lo sai benissimo che la stavi a cazzia'. Capisco che sei sempre nervoso e pe' te nun e' facile datte na carmata, ma tu devi pija' esempio da me, che a volte la rimprovero appena appena, pero' poi me ricordo che sta pora fija cia' 6 anni pure se veste 12 e magna pe' 24.
E cerca de ricordatte de faje du' carezze gni tanto, animale che nun sei artro.
Guarda ho preferito nun svejatte pe' nun sta' a discute, pero' armeno te dovevo scrive.
Chiameme quanno te pare.
Barbara.

venerdì 2 novembre 2007

Smettete subito

"Babbo, perche' tu e mamma litigate sempre?"


L'aria ancora sfrigola per la recente litigata davvero fuori dalle righe.
Barbara dissimula malissimo il nervosismo, io da un lato vorrei cercare di placarla, dall'altro sarei tentato di andarmene, e da un altro ancora (ma che sono, un cubo? so' pieno de lati...) devo cercare di minimizzare e sdrammatizzare la situazione, pressato come sono dalle domande insistenti e un poco disperate di Carla e Donatella, mentre Emilia si guarda attorno colla sua saggia aria di una che a 10 mesi ha capito gia' tutto, e rosicchia con i due dentini che si ritrova una crosta di pane.
"Amore, babbo e mamma non litigano (no, mica...) magari discutono un poco a voce alta, perche' i grandi fanno cosi' (si, i grandi idioti)..."
Carla mi guarda con due occhi grandi come due piatti di portata. E' quella che si e' gustata lo spettacolo in diretta, e che ha dimostrato una forza d'animo impressionante per i suoi sei anni e mezzo: "Babbo, ma come mai, era stata una giornata bellissima e poi vi siete messi a litigare, io ho chiesto a scuola e le mie amichette dicono che i loro genitori non litigano mai..."
Invidio 'ste coppie che riescono a non sfanculeggiarsi tre minuti tre davanti ai figli, e poi magari si sbranano per ore a tarda notte. Cerco di spiegarlo a Carla, che a tutti capita di discutere un po', ma la vedo che non e' convinta, e tutto sommato mi sento talmente in colpa che ci credo che non ho grandi possibilita' di farmi credere.
Donatella intanto ha mantenuto la concentrazione dei suoi occhioni blu su un foglio in cui ha disegnato una casetta in mezzo a un prato.
Finito di colorare il tetto, alza lo sguardo, e in maniera perentoria chiede la parola.
Ha quattro anni o quattromila, non lo so, pero' quello che dice e' di una semplicita' disarmante:
"Mamma, babbo, voi da oggi fate come dico io, va bene? Quando vi viene da litigare, invece di continuare, smettete subito".
No more need to be said.






mercoledì 31 ottobre 2007

Halloween!

Oggi e' Halloween!

Non capisco come mai a babbo, tutte le volte che gli nomini Halloween, gli viene la faccia strana... come quando a cena ci stanno le verdure bollite, oppure quando mamma organizza quegli splendidi week-end per fare il cambio di stagione...
Per me invece Halloween e' fichissimo, ho disegnato un sacco di zucche e di pipistrelli, li ho ritagliati e poi con la colla li ho attaccati sui mobili della cameretta e sulle sedie (mi sarebbe piaciuto attaccarne qualcuno anche in salone, ma babbo s'e' messo a fare il pazzerello, con le gambe e le braccia aperte sulla porta a gridare "Dovete prima passare sul mio cadavere!").

A scuola ci fanno fare il giro delle classi dicendo "Dolcetto o Scherzetto", cosi' ieri sera mi sono messa ad aiutare mamma a cucinare dei biscotti con la nutella o con la marmellata.
Quando gliel'ho detto, babbo ha mugugnato qualcosa del tipo che mille anni fa quando lui era bambino come me a scuola gli facevano fare le gare di lettura e di copiato, ma poi si e' messo anche lui in cucina a vedere quello che combinavamo, e ha rubato pure un paio di biscotti senza che mamma se ne accorgesse...

Per me il coso piu' fico di Halloween e' il fantasma, perche' io non ho paura dei fantasmi, lo so benissimo che non ci sono davvero i fantasmi, anche se ieri sera col temporale e i lampi e' andata via la luce all'improvviso e sentivo dei rumori bruttissimi, dei passi soffocati che venivano da di la' e poi a un certo punto un botto forte e poi una voce che diceva una parola magica tipo "maporcaquellazozzamaiala" e poi sempre quella voce che ce l'aveva con la fattoria degli animali e coi miei pennarelli mi pare, e mi veniva quasi da piangere perche' magari ho pensato che un fantasmino piccolo poteva pure esserci e che si voleva prendere i miei giocattoli, poi ho visto una luce che si avvicinava con dietro una macchia scura grande e con la pancia, e stavo per chiudere gli occhi quando ho visto che era babbo e che pure prima tutti quei misteriosi rumori in salone li aveva fatti lui per cercare l'accendino e le candele.

Il piu' bel regalo di Halloween pero' me lo ha fatto proprio babbo mio, che da 5 giorni non fuma piu'. E' molto coraggioso il mio babbo, pero' devo ammettere che alza la voce un pochetto piu' del solito e perde piu' facilmente la pazienza. Dice che gli mancano Nico e Tina, due amici suoi del lavoro credo... e ti credo, pure a me mancano le mie amichette, sai!?! Meno male che le vedo domani a scuola e che giochiamo alle streghe di Halloween...

martedì 23 ottobre 2007

Mo' ve la insegno io l'educazione


Leggo stupisco arileggo aristupisco e alla fine ariarileggo e a sto punto me incazzo...


Punite a sorte per educare tutta la classe...

Allora care le mie maestrine der cazzo...Se ve piace tanto piavvela co' quelli piccoli, me metto li carzoni corti e le topolino blu.
Poi ordinateme de metteme li guanti de lattice pe' puli' er cesso de la scola.
Fatto tutto questo, metteteve belle aderenti ar muro colle chiappe.
Ner caso quarcuna delle maestre de una delle mie figlie je venisse la splendida idea de copia' ste due novelle Montessori, sappiate che manco se ve appoggiate alla parete maestra dell'istituto ve sarvate.

Maestra avvisata, mezza sarvata.

'Ndo volete anna' in vacanza?

Io personalmente nun cio' proprio nessun dubbio...


lunedì 22 ottobre 2007

Bianco e Colori

La gente nun cià gnente da fà. E' l'unica spiegazzione possibbile a tanti fatti che semo costretti a vede ar teleggiornale, o a legge sui quotidiani.
Sinnò spiegatemelo voi come mai uno de cinquant'anni, venerdì scorso, arriva a Fontana de Trevi e ce versa dentro un colorante a base de anilina che te trasforma l'acqua in una pozza rosso sangue.
Poi cerca de annassene e ce riuscirebbe pure, si nun fosse che lì ce stanno più telecammere che a Hollywood, e in quattro e quattr'otto lo identificano e lo pizzicano.
Sto scemo de guera in tempo de pace lascia un volantino che recita: "Noi precari, disoccupati, anziani, malati, studenti, lavoratori, stiamo arrivando con il vermiglio per colorare il vostro grigiore. Oggi nasce con noi una nuova concezione violenta della vita e della storia".
Firmato FTM, al secolo Filippo Tommaso Marinetti.
A me piu' che un futurista me pari matto.
Ma nun ce l'hai un lavoro, na famija, no' straccio de vita sociale?
Io sarò pure griggio, ma sti cazzi der colore si poi tutta 'sta voja de arcobbaleno s'arisorve ner putiferio generale.
Er probblema che te risiede nella testa é che ciavrai pure a core er griggiore de li pensionati e de li malati, ma intanto hai permesso che er Commune de Roma sprecasse li sordi pé aripulì Fontana de Trevi.
E' vero, potemo pure discute che la giunta Veltroni co' li sordi che ce leva grazzie alle strisce blu nun combina gnente de mejo che fà una cazzo de Festa der Cinema. Ma nun e' che tu cor rosso arisorvi er probblema der blu, ar massimo hai fatto un mischione e hai tirato fori un violetto.
Lo vedi che si le strade nun ciavevano er blu ma solo er griggio eravamo tutti più contenti? Senza er blu de li parcheggi a pagamento, er giallo de li lavori in corso, er rosso fisso de li semafori, ciavremmo Roma cò le strade belle grigie come Dio l'ha fatte, coi pizzardoni a bastonatte quanno la piazzi in tripla fila com'é giusto, ma senza li viggilini a svortà la giornata perché l'hai messa fori dalle strisce blu "ma nell'immediata vicinanza di un'area di sosta a pagamento" (ce lo sapevate che li viggilini nun solo te murtano si nun paghi er parcometro, ma pure si parcheggi appena accanto all'urtima striscia blu della fila?).
Er mondo era mejo in bianco e nero, dà retta a me.
Ce staveno solo dù canali in televisione, er primo e er secondo, e manco trasmettevano tutto er giorno...
Co' sta storia de li colori, me hai fatto aripensà a quer soggetto da cui ho comprato casa.
Quanno sò entrato pé la prima vorta nell'appartamento appena acquistato, per terra in salotto ce stava una televisione.
Allora chiamo er soggetto in questione e je dico:" aho, te sei scordato de pijatte er televisore". E lui me fà:" ah, nun fa gnende..." (é burino, della "Terra degli Issu") "... lo poi pure buttà, tando quello é BIANGO E COLORI..."

lunedì 15 ottobre 2007

Casino





Sò un maniaco dell'ordine.
Quanno arivo a casa dopo 'na giornata de lavoro, me se rizzano l'urtimi dù peli che ciò in capoccia: pare na Caporetto.
Pupazzi de pelusce nei posti più impensati; penne matite colori pastelli gomme temperamatite e resti de matite temperate a fà da mosaico su ogni tavolo de casa; nun te n'augurà de avecce bisogno de stirà le zampe cinque minuti sur lettone, che trabbocca de panni da piegà; ciavatte abbandonate, mutanne appese alle manije, piggiami a penzoloni da le sedie.
Allora de solito trovo un angoletto ancora libbero pè appoggià la borsa e la giacca, e comincio l'opera serale de ripristinà uno straccio de abbitabbilità ai 120 metriquadri d'appartamento. Paro na ruspa, 'ndo passo ariccorgo quarcosa che doveva da stà in un'artra parte.
Er fatto é che ho vissuto tarmente tanto da solo in gioventù che l'ho imparato a spese mie quanto cazzo é dura da tenè a posto na casa; come allenti un attimo la presa, rischi de rimané sommerso dar casino... e Dio te ne guardi che te ariva quarcuno all'improvviso: scatta er panico da caciara, e incominci a mette la robba alla rinfusa drento a quarsiasi cassetto ciabbia un pò de spazio, con l'ovvia consequenza che se je offri da beve devi da leva' li carzini dai bicchieri e che alla fine, quanno l'ospite se n'e' annato, nun trovi più gnente perché nun sai 'ndove l'avevi nascosto.
Quindi é da quanno sò giovane che, se vado dar salone ar cesso, o dalla cammera alla cucina, insomma, come me movo me movo, nun lo faccio mai cò le mano in saccoccia.
Qui invece tutti passeno sopra la robba per tera senza degnasse de chinà lo sguardo e accorgese come mai stavano pè cappottà su quarche suppellettile abbandonata.
Io cerco de spiegajelo che si se mette tutto a posto subbito, poi se fatica de meno, ma da sta recchia nun ce senteno proprio.
E alla fine se passeno li sabbeti e domeniche a fa' le pulizzie de tutta la settimana; solo che er vero filippino, alla fine della fiera, sono io, perché le femmine riescheno si e no a recuperà la robba loro che sta in giro pè tutte le stanze.
A vorte me verrebbe voja de venne tutto e annammene in un buco de 45 metri quadri non sopparcabbili, armeno tanta robba se butterebbe invece de avecce la possibbilità nun solo de tenella, ma pure de spannela pè tutta casa.
Ciavemo troppa robba, nun se butta mai gnente e alla fine ciai li scatoloni sotto ar letto, dietro alle tenne, niscoste dietro le porte.
A vorte scatta la minaccia: tutto quello che nun trovo ar posto suo lo frullo. Allora vedi come scatteno.

Me fosse mai riuscito de buttà 'na caccola: solo 'na vorta ho trovato 5 euri dietro a un divano, ma a esse sincero, cor cazzo che l'ho buttati....

venerdì 12 ottobre 2007

Belle nubi solitarie







Alzo gli occhi al cielo, e mi fermo a fissare la girandola di nuvole che lo attraversano. Come scriveva Liala, "Belle Nubi Solitarie"...

Oggi per me comincia una settimana "particolare".
E comincia proprio il giorno dell'anniversario della scoperta dell'America.
Anche se per me il 12 ottobre e' sempre stato e sempre restera' il giorno del compleanno di mia madre.


Mia madre e' stata la luce dei miei anni piu' belli.
Fino a che un ictus cerebri, che la colpi' quando io avevo 24 anni, non ha ribaltato il gioco delle parti, donandole me come padre severo e dandomi in cambio una bambina dolce e indifesa: mia madre.
Da quella maledetta sera in cui, rientrato a casa a tardissima ora, la trovai a terra, la nostra vita cambio' in maniera tremenda.
Rimasti soli da tanti anni, con un padre che ci manteneva a stento e una sorella emigrata nel nord Italia a costruirsi il suo futuro, il legame stretto che ci aveva reso complici per tanto tempo divento' un patto di ferro.
Non ricordo piu' i particolari di un decennio trascorso tra cliniche di riabilitazione motoria, tentativi di ritornare a casa presto, - troppo presto, dannazione! - falliti, sogni che si infransero puntualmente fino a morire con il ricovero "miracoloso" presso la struttura di lungodegenza convenzionata piu' ambita della Capitale.
E cosi' mia madre, a circa 60 anni, si ritrovo' in uno di quei "Giardini che nessuno sa", circondata da vecchiette ultranovantenni, con la sua pelle di bambina che nemmeno l'eta' adulta aveva mai scalfito con una ruga.
E quella mia bambina concepita dal dolore mi attendeva seduta in corridoio, l'unica mano ancora buona appoggiata al suo treppiede, incapace di regalarmi piu' di un sorriso di benvenuto prima di ritornare affranta a parlare dei suoi mali quotidiani.
Quante volte avra' atteso un fiore che non le portavo, un po' per dimenticanza, un po' perche' c'era da sbarcare un lunario senza avere un lavoro fisso, ma mai per disamore o trascuratezza...
Quando la mia vita ebbe un tracollo e il mondo mi cadde addosso con violenza, quella bambina fragile trovo' dentro di se' ancora una inaspettata riserva di energia con cui nascose il suo dolore per il figlio/padre e con cui cerco' di dargli conforto, forza, speranza, e la grinta che lei aveva sempre avuto crescendo due figli senza un marito a fianco, proteggendo me in particolare da tante verita' scomode che si erano rivelate solo quando si era ammalata, e lo scudo protettivo era miseramente crollato al suolo.
Trovo' una forza immensa da quel dolore immenso che io colpevolmente condivisi, senza mai mostrarlo.
Senza di lei, non sarei mai riuscito a venirne fuori...
La vita fu beffarda ancora una volta, l'ultima.
Venne una gioia, una gioia grande: era in arrivo la nostra prima bambina! E fu un misto di felicita' e preoccupazione per mia madre, che si chiedeva come avrebbe fatto a cullarla con un solo braccio funzionante... Ma una notte d'inferno la trascino' in fin di vita, e pochi notti dopo, il 19 ottobre, il telefono mi sveglio' per dirmi che l'incubo con cui avevo convissuto per tanti e tanti anni, era alla fine era diventato reale.
Se n'e' andata, mia madre, prima di poter conoscere almeno una delle mie bimbe. Anche quest'ultima gioia, che forse l'avrebbe ripagata di tutte le sventure degli anni piu' recenti, le fu negata.
Mi dispiace mamma, non sai nemmeno quanto.
Vorrei tanto crederci, che sei lassu' a guardarci, ma non ci riesco.
E vorrei solo poterti far sentire che tutte le rinunce dei miei anni piu' belli, per poterti stare accanto, non sono niente niente niente niente, se le paragono a quello che hai saputo darmi anche se minata nel fisico da quel male bastardo.
E credo di non sbagliarmi se spesso mi trovo a pensare che te ne sei andata per consentirmi di dare tutto me stesso alle mie figlie e non rubare a loro neanche un minuto del mio tempo.
Quando le guardo e penso che non ti hanno conosciuta e che non hanno anche loro avuto la fortuna di imparare da te il coraggio e la determinazione di affrontare la vita, piango... come piango ancora adesso che affido a queste poche, inadeguate righe, di dar sfogo ai miei ricordi e ai tanti, troppi miei rimpianti.
Un ultimo estremo gesto d'amore.


Alzo gli occhi al cielo, e mi fermo a fissare la girandola di nuvole che lo attraversano. Come scriveva Liala, "Belle Nubi Solitarie"...

mercoledì 3 ottobre 2007

Posacenere


Nun ce lo sapevo, davvero.
Nell'era delle automobile autoaccessoriate, con alzavetri elettrici, aria condizionata di serie, ABS, lettore MP3, navigatore satellitare, impianto cinema integrato nei poggiatesta, sensori per aiutarti a non sverniciare i parafanghi tuoi e altrui in fase di parcheggio, e chi piu' ne ha piu' ne metta, scopro con orrore che hanno rimosso un accessorio indispensabile.
Un po' come i computer moderni, che non hanno piu' il drive per leggere i dischetti, tanto ormai le penne USB costano quanto le penne BIC...

Ebbene, nelle automobili moderne hanno rimosso i posacenere.

Sissignore, nun ce stanno piu'.

E deve esse stato un decreto legge con effetto retroattivo.
Perche' pure nelle vecchie 500, nei "ferri da stiro", nelle reno' 4... i posacenere nun ce stanno piu'.
Volatilizzati, anzi, pe' resta' in tema, so' annati letteralmente in fumo...

Adesso quarcuno spunta fori e dice che sto' a di' fregnacce, che lui ne la machina ce ne ha quattro e pure belli pieni...
E bravo beato, stai a rubba'a casa dei ladri... pure io, ne le machine mie, ce li ho ancora, pure se belli voti che me tocca fuma' de nascosto...

E allora, caro il mio capiscione, spiegamelo tu come mai nun ce sta un cristiano che, alla guida der suo piu' o meno potente mezzo a quattro ruote, nun tira giu' er finestrino e nun butta la cicca ar volo, cosi' come je viene, pe' strada.

Che se poi tutte le cicche arrivassero pe' strada, me andrebbe pure bene, alla faccia de tutti li scopini che nun fanno un cassio dalla mattina alla sera.

Er fatto e' che ste cicche vengheno buttate senza manco rennese conto che nun stanno da soli nell'universo.

E allora metti che un poveraccio come er sottoscritto abbia deciso de sfida' la sorte e affida' er proprio tran tran de spostamenti per Roma alla fiammante due-ruote-truffa che miracolosamente pare in grado de cammina'.

Sto poveraccio cia' un solo vantaggio, quello de riuscisse a infila' dove manco una Smart ce passa, e quindi de evitasse un ber po' de traffico; e mentre er poveraccio, sempre io, gongola sommesso svicolando in mezzo ar mare de lamiere sulla Flaminia, ecco che er nobbile de turno sporge dar finestrino der Mercedesse la mano con brillocco, e scaja la cicca.. e indove la scaji sta cicca? ma che te credi da esse, sull'Isola dei Fumosi? Ma addosso a me, ovviamente!E pure la cenere, tu che guidi mentre co' na mano telefoni, con quell'altra te scaccoli, con quell'altra cambi le marce e infine con l'unica mano bbona scuoti tra indice e medio la sigheretta, ma non drento ar posacenere che pare che nun ce l'hai, none, la scaj con mossa da gentiluomo dar finestrino, magara a 70 o 80 all'ora, cosi' quella caccoletta incandescente, animata da vita propria, decide de prova' l'ebbrezza der volo, che pero' termina dritto dritto nell'occhi der poveraccio che te segue collo scuter.

Allora io spero che co' la Finanziaria de Settembre, che ormai e' quasi ottobbre, diano un contribbuto statale a tutti quelli che nun cianno piu' er posacennere ne la machina.

E si per caso me sbajassi e se scoprisse che in realta' tutti sti' lanciatori de sigherette dar finestrino er posacenere ce l'hanno eccome, allora me auguro vivamente che ste sigherette, ste caccolette de cennere, se possino trasforma' in tanti bumerang infocati, che rientrino ner finestrino de appartenenza come Lassie tornava a casa sua, che riconoscheno chi l'ha lanciati fori e in un impeto d'affetto caloroso je entrino ner colletto de la camicia, e je facciano tanti de quei succhiotti a 100 gradi che quanno questi torna a casa dar proprio partner, questo se incazzi come una biscia e je faccia una doccia de schiaffoni da faje passa' er gusto de butta' la robba fori dar finestrino.

lunedì 1 ottobre 2007

Insonnia

Non dormo.
Semplicemente a una certa ora me squilla na specie de svejone che me tocca arzamme dar letto pure se fori ce stanno solo li sorci e li ladri.
Allora me arzo, camminando sui pollicioni come Gatto Sirvestro, e cerco de da' un senso alle ore che quelli bravi chiameno antelucane.
Er caffe', innanzitutto, e poi la irresistibbile voja de fumamme na paja, che nun posso soddisfa' che pare che alle 4 de mattina faccia peggio che alle 4 de pomeriggio.

E poi comincia l'eterno dilemma su come passa' er tempo.

La tivvu' e' praticamente fori discussione, che mica posso sveja' tutta la famija; un bel libro dicheno che concili er sonno, ma a me me lo fa' passa' der tutto se pure ce ne fosse bisogno.

Allora accenno la baracca, leggasi computer, e me metto a cazzeggia' sui soliti tre o quattro siti.

E alla fine pare che er computer sia la causa, invece che l'effetto.
Ma io nun dormo dar 1974, mica da ieri.

Semplicemente, er fisico mio pare nun ave' bisogno de dormi' piu' de 4 o 5 ore pe' notte.

Oppure sara' er bisogno de sta' quarche minuto co' me stesso, a dedicamme a quarcosa de diverso che fa' er padre o er marito.
Siccome allora io nun levo gnente a nisumo, se me arzo alle 4 de mattina, me piacerebbe che nun me se venisse a fa' una questione sur fatto in se'.

Me ricordo che quann'ero ragazzo e cercavo de fa' l'universita' senza rinuncia' a uno straccio de vita sociale, mi madre se arzava alle tre e me preparava er caffe'. Poi se rimetteva a letto, mentre io aprivo le paggine dei libbri da studia' e me mettevo a prepara' l'esame.

Ce teneva, mamma mia, che me laureassi.

E quell'arzataccia non richiesta pe' preparamme er caffe' era er modo suo de aiutamme, de sentisse partecipe e artefice.

Quella cazzo de laurea nun m'e' servita a gnente, ma in quarche modo je lo dovevo, e ora sta li' appesa in cammera da letto a ricordamme piu' li sacrifici sua, che li mia.

Ancora me arzo presto, ma', e anche si nessuno me prepara er caffe', sfrutto quelle ore sceme pe' distramme er cervello. Nun serve a un cazzo de pratico manco questo, ma me fa' senti, pe' poche ore, ancora capace de fa quello che me pare.

Grazie, ma'.

lunedì 24 settembre 2007

Sala Fumatori



Altro viaggio di lavoro, ed ecco che mi capita di sostare piu' del solito a Fiumicino.
Se di solito me metto l'anima in pace e nun fumo per svariate ore, stavolta l'attesa mani in mano e' troppo lunga, per cui mi attizzo all'idea di trovare la sala fumatori per una paglia corroborante.
Gira che ti rigira, arrivo nell'angolo piu' dimesso di Fiumicino e trovo la tanto agognata meta.

Entro e capisco che ormai sono ghettizzato.
La sala sara' di una quarantina di metri quadrati; un gentile cartello avverte che sarebbe mejo non esse piu' de 41, a stacce drento, ma pare che semo si e no una trentina, anche se me chiedo chi mai andrebbe a contestare la conta delle anime in pena.

Una trentina, dicevo; una trentina di disperati con le labbra racchiuse a cuore attorno al tanto agognato cilindretto di catrame.
L'arredamento e' a dir poco minimalista, e i pannelli della sala sono stati ovviamente scelti bianchi, e infatti ci si muove in una atmosfera color seppia, grazie alle macchie di nicotina sulle pareti.
Ci si guarda un po' tutti di sottecchi, con gli occhi un po' bassi e vergognosi, mentre frettolosamente si inspira/espira la dose oraria.

Esco dallo sgabuzzo, chiamato pomposamente Smoking Lounge, che me pare de ave' fatto una seduta de terapia pe' smette de fuma'.
Me metto in fila pe' pia' l'aereo, e tuffamme nella purezza der cielo azzurro, leggero come na piuma, ma con un certo peso sul cuore.

martedì 18 settembre 2007

Valmontone


Ricevo in mail da un amico (laziale) e nun posso che pubblica' all'istante....


Con la dichiarazione che ha rilasciato ai giornali il presidente della S.S. Lazio sig. Lotito, dove ha espresso il suo desiderio di creare un nuovo stadio di calcio per la S.S. Lazio in località Valmontone, la tifoseria sta diffondendo un sondaggio sul nome da attribuire a questo nuovo stadio.
Il ballottaggio al momento è tra i nomi sotto riportati …


Lu Camp
Burinbeu
MuloDrome
HiBurin
AllTrattor
OldTrattor
Beeeernabeu
BernaBuoi
TanfoBridge
Vestaja
La Sfavorita
Porco dei Principi
Lu Limpico
Villa Porc


Quale ve piace de piu'?

venerdì 14 settembre 2007

Viaggetto a Bolzano


So' stato du' giorni a Bolzano pe' lavoro.
Piglio un aereo che pare un bussolotto co' le ali, 30 posti e manco la meta' pieni.
Cio' un'otite che nun sento manco se ar vicino je puzzano li piedi, cosi' su indicazione dell'otorino me ficco in bocca una BigBabol gigantesca e come l'aereo parte comincio a ciancica' come un disperato, pe' cerca' de compensa' la pressione.
Tutto pare fila' liscio, solo che sta' gomma e' enorme, e poi come diceva la pubblicita', "Facciamo PAF, Facciamo Bang, Facciamo Bing Bang e Bu'" e insomma me viene de fa' un po' de palloni co' sto chewing gum mentre me leggo un libretto giallo pe' ammazza' er tempo.
A un certo punto uno che sta a due posti da me me chiede e manco co' tanta cortesia de falla finita, co' quella farza indurgenza che cianno quanno se senteno li padroni der monno.
Siccome nun cio' voja de discute e poi nun me posso renne conto de quanto casino fanno sti palloni, perche' so' praticamente sordo, lasso perde e cerco de ridurre l'attivita' a quella ciancicatoria, pure se me rode er culo che ormai nun se po' beve, nun se po' fuma', e pare che pure li palloni so' fuorilegge.
Atterro a Bolzano che me pare de sta seduto de dietro a na vespetta truccata.
Me ritrovo su una pista minuscola in mezzo a le montagne, er sole brilla che e' un piacere e me chiedo ndo cazzo so' finito co' n'oretta spiccia de volo.
Piglio il taxi, sbrigo un po' del lavoro e poi a fette me dirigo all'albergo, che sta in pieno centro.
In pochi minuti me ritrovo in un'isola pedonale indove la gente va ar massimo in bicicletta. E' pieno de panifici e de negozzi scicche, nun ce stanno praticamente vu cumpra', e ce sta' pure un mercatino rionale circondato da negozzi grandi firme.
L'albergo nun e' granche', nun cia' manco li canali porno e er frigo in cammera, pero' me vedo la figuraccia de la nazzionale de basket prima de rivestimme e famme du passi a piedi mentre la gente se magna un panozzo coi Wurstel, oppure se ne sta a sede in uno degli innummerevoli bistrot a bevese delle caraffe de birra pomeridiane impressionanti.
Alla fine finisco a magna' in una bettola che te porta la roba drento a delle padellette roventi, le porzioni so' abbondanti e er cibo e' saporito, me scolo du birette da mezzo litro e me magno una roba con patate, carne, cipolla e alloro che chiamano Grostel, co' quarche puntino sulla "o".
Quanno esco dar ristorante, er centro che prima era bello frequentato e' diventato un mezzo mortorio, sordi pe' pagamme 'na escort extralusso nun ce stanno, e tutto sommato chi c'ha voja, cosi' locco locco me rificco in cammera, me spizzo na mezz'ora de Nazzionale de carcio, dopo de che la bira fa' effetto e me attufo in una dormita che me porta dritto dritto a la mattina dopo.
Colazione a base de quarsiasi cosa, poi lavoro, indove fanno de tutto pe' mettete a tuo aggio, ner senso che un po' nun ce sento io, un po' quanno je pija brutto cominciano a parla' in tedesco tra de loro, ma insomma la sfango alla grande e alle 5 de pomeriggio me ritrovo a dove' inganna' un'oretta.
Mentre la gente continua a sbiciclettamme intorno, me siedo a un bar e me sparo du' birozze inconsuete, armeno per me e vista l'ora, me leggo nanto po' er giallo fino a che nun piglio il taxi e arivado in areoporto.
Er bussolotto co' le ali sta li' che e' ancora piu' voto che all'andata, me riarmo de gomma, ciancico, decollo, spallono e arrivo a Fiumicino.
Da li', pijo er treno e torno a casa, dove arivo che mi moje je rode er culo e a me me vanno li cojoni su' de giri, magno du' sarsicce alla Borzanese e finarmente, me corico.
Bella, Bolzano, m'e' piaciuta, pare davero che manco stai in Italia.
Pe' ricordatte de 'ndo sei, basta che chiami a casa....

martedì 11 settembre 2007

Si m'attacchi


Eppure ce lo sai come so' fatto...

Si tu m'attacchi
er poster de Totti co' la moje in giubbottino, e lo lo attacchi di fronte a la finestra, me vie' voja de usci' gnudo e chi se schifa, vorti pure lo sguardo.
Ma poi, me viene a galla l'amore giallorosso, e sto' pupazzo de capitano mio lo guardo e dico che nun e' poi malaccio sto giubbottino stinto...

Si tu m'attacchi
certe pippe infinite sur fatto che me dovrei mette a dieta seriamente, che te sei rotta de cucimme li carzoni sotto ar cavallo, che dovrei magna' gallette e insalata pe' tutta la vita, e poi si sgaro co' na merendina me aricazzi manco magnassi na crep co' la nutella, me viene voja de sedemme ar ristorante, e comincia' co' na fiamminga de antipasti e fini' co' un tripudio de dorcetti da nzuppa' ner vin santo.
Ma poi ciarivo che lo dici perche' ce tieni e ce lo so che e' giusto aricordamme anche se de continuo er dovere, per cui me adeguo e nun ce penso piu' .

Si tu m'attacchi
li poster che hai comprato ar mercatino a quattro sordi, che nun vargono manco la carta che hanno sprecato pe' stampalli, e me li attacchi in cammera da letto, allora nun te stupi' che quanno me svejo me viene la tristezza e voja de richiude l'occhi.
Ma poi sento mi fija che me chiama in cameretta e tutta quella carta diventa invisibile, che l'occhi mia non cianno altro da vedere che quell'occhietti belli allegri appena sveji.
Si tu m'attacchi,
si me vieni sotto co' quell'aria de sfida da maschiaccio, co' l'occhi brutti e l'aria invelenita, prima me fai incazza', poi me fai ride parecchio, che mica me vorai mena' perche' nun la penso come te...
Ma si tu m'attacchi er telefono n'faccia dopo che m'hai chiamato pe' comunicamme una cosa che nun me cambia un cazzo, mentre viaggiamo su treni opposti in dimensioni parallele verso obiettivi che nun potranno mai coincide, mossi da forze uguali e contrarie... allora poi nun t'aspetta' che nun me rode er culo...

venerdì 7 settembre 2007

Di nuovo mille scuse



Quello che me fa' incazza' e' che nun chiedi mai scusa.
T'hanno cancellato sta parola dar vocabbolario, oppure te pensi che vole di' solo inventasse le cazzate.
E allora te lo vojo di' io, si tu' madre era troppo impegnata a dalla via e tu padre a conta' i sordi dell'incasso... chiede scusa e' un segno de civilta' e de signorilita'.
E' ammette che tutti sbajamo e sai quante vorte ne la vita, ma si chiedemo scusa e lo famo pe' davero, dimostramo che nun semo popo stronzi, e che se e' successo quarcosa de sbajato per corpa nostra, se non altro nun l'avemo fatto apposta.
Armeno dico, pe' na questione de forma, chiedeme scusa e pijame per culo che ce lo sai benissimo che l'hai fatto apposta, e puro io ce lo so' benissimo che co' le scuse tue me ce pulisco er culo, ma armeno nun rimango pure co' le mutanne sporche de mmerda.
Damme un friccico de soddisfazzione e famme armeno illude che me sto' a relazziona' co' un essere umano, no' co' quarcosa che cia' er culo sur sedile de 'na Fiesta targata francese.
Stavi a fa' lo stronzo su lungotevere, e zigo e zago e alla fine danghete, m'hai strusciato la machina.
E ce lo hai visto pure che ce staveno le regazzine piccole in machina mia, ma dimo che sei uno che sa' valuta' er fatto che nun se semo fatti un cazzo de grave a parte che m'hai sverniciato appena appena la fiancata destra, e che quindi nun te sei preoccupato pe' la salute de chi viaggiava in machina co' me... Ma armeno fermete.
Inventate sur momento che e' corpa mia che me facevo sorpassa' a destra... di' un "me dispiace, ma nun e' corpa mia" pure se ce lo sai benissimo che hai fatto la cazzata.... inventate de parla' francese pure se poi scopri che lo so' mejo de te, che sei solo un pischello pariolino che ha fregato la machina alla bagascia che tromba a pagamento co' tu padre... poi magari chiedeme scusa, ma mica te devi umilia', dico, me dichi scusa, me dai li dati dell'assicurazione e famo na denuncia civile, che tanto ciai la machina francese e chissa' li' come cazzo funzioneno li bonus malus, e tanto la paga u' madre co' le marchette d'arto bordo, mica tu...
Ma tu no.
Tu a chiede scusa nun ce pensi proprio, anzi...
Continui a stronzeggiare su lungotevere, tanto che te devo core dietro pe' ditte che sarebbe er caso che te fermi, che hai intruppato uno che se ne stava tranquillo sulla corsia de sorpasso a 70 all'ora su lungotevere de domenica mattina pe' anna' a Villa borghese co' le fije e la moje, e che armeno vedemo che m'hai fatto.
Ma tu no.
Me guardi cor capello 'mbrillantinato, la canotta burina ma de gran marca, l'occhiale da beach volley da frocetto, dichiari che tu nun hai preso proprio nessuno, arimetti la prima e sgommi via, anche perche' e domenica e poi corre, e poi io cio' le regazzine in machina e nun me posso mette a fa' Sulle Strade de la California pe' corpa tua, sinno' nun annavi popo da nessuna parte.
Allora faccio denuncia all'assicurazione, e nun me invento un cazzo, manco un corpetto de la strega, un graffio, un occhio muffo, gnente, solo er danno che m'hai fatto a la fiancata de la statiowagon.
E detto "li mortacci tua e de tutta la Francia da Zidane in poi" ad arta voce e co' la mano arzata, me tocca aspetta' - che' fa er botto co' na machina straniera cancella tutte le raggioni per cui li no-global fanno casino contro la globalizzazione: ma ndo sta', sta globalizzazione, che pe' ave' li dati da dietro l'angolo ce vonno settimane....
E dopo tutto 'sto tempo tu, invece de chiede scusa, te inventi un testimone farso che dichiara nun solo che nun avete strusciato nessuno, ma che eri pure nun se sa dove dall'artra parte der monno e non a Roma, cosi' la tua assicurazione me manda na bella baguette da ficcamme ar culo ma de sordi nun se ne parla.
Allora lo sai che te dico... innanzitutto nun passa' piu' pe' lungotevere che io ce passo tutti li giorni du' vorte ar giorno pe' anna' e veni' dar lavoro, e se pe' sbajo de pizzico, te chiedo scusa io... ma solo dopo avette gonfiato come na zampogna...
E poi, prega Dio e preghelo pure tanto...
Perche' pe' 900 zozzi euri che nun pagavi manco tu, ma la tua assicurazzione, che nun la paghi te, ma quella mignotta de tu madre, ciavrai tanta de quella rogna ar culo che te dovrai mette le unghie finte pe' quanto te dovrai gratta'.
Pertanto, scusa se te disturbo, anzi, excusez-moi, e soprattutto

VAFFANCULO

mercoledì 5 settembre 2007

La Terra degli "Issu"



Fiano Romano.
Piccolo centro urbano a ridosso di Roma.
E' qui che ormai 8 anni fa ho deciso di trasferirmi. Le ragioni erano e restano valide: vicinanza con Roma e unica alternativa, continuare a pagare l'affitto per restare ad abitare nella Capitale.

Fiano Romano e' la Terra degli "Issu".

"Issu" e' l'altro.

Quello di cui parli, quello che ha fatto questo e quest'altro. "Issu ha detto, Issu ha fatto..."

Ma "Issu" in realta' riassume il mio modo di rapportarmi a questo immenso paese dormitorio, dove un'ordinanza del sindaco mi impedisce di pasteggiare una sera a pizza e birra perche' la vastissima comunita' rumena usa le bottiglie per dirimere le questioni personali.

"Issu", a Fiano, attende con ansia il varo di una nuova ordinanza che svincoli le aree a destinazione agricola. "Issu" e' sicuro che prima o poi il nuovo PUA (Piano Urbano Agricolo) verra' pubblicato, e cosi' costruisce baraccotte sparse per fazzoletti di terreno non edificabili, possibilmente mimetizzandole dietro qualche alberello piantato qui e li' strategicamente, oppure, ancora meglio, appiccicandotele al confine con casa tua.

"Issu" fa piu' o meno tutto da solo, e il suo materiale preferito e' l'eternit.
"Issu" potrebbe costruirci Cape Canaveral, con l'eternit...
"Issu"non sorride, mai.
Ascolta distratto, e sembra non vederti neanche se ti sbracci come una cheerleader.
"Issu" non e' cattivo: e' semplicemente "'gnurande", e cio' e motivo di vanto per "Issu".
"Issu" si fa beffe di qualsiasi tipo di normativa relativa alla sicurezza degli impianti elettrici, o del regime fiscale.
"Issu" lo puoi aspettare per ore, poi quando ti incontra e non puo' cambiare strada, e' scocciato perche' "Issu" ha cose piu' importanti da fare, "Issu" lavora, e anche se lo hai interpellato per lavoro, tu non sei un "Issu" e quindi non si e' premurato nemmeno di avvertirti che non sarebbe mai arrivato.
L'abitazione tipica di un "Issu" e' un villotto in area rurale, dove le attrezzature piu' disparate fanno da parco giochi per i propri figli ma anche per quelli degli altri.
"Issu" magari s'e' fatto la piscina da solo, con mattonelle di recupero e un'immenso e rumorosissimo gruppo ad alimentare una pompa artigianale. Intorno alla piscina, masserizie ammucchiate, sterpaglia, e non un minimo di protezione per evitare che i propri figli, ma anche quelli degli altri, finiscano dentro la piscina vuota.
"Issu" ha di certo qualche cane, possibilmente appartenente ad una delle razze a rischio, e senza alcuna congnizione di come vada gestito un pitbull o un rotwailer. Oppure ha qualche miriade di bastardini di piccola taglia, che vagano indisturbati per tutte le proprieta' confinanti, che' portare il tuo cane al guinzaglio a fare una passeggiata diventa comunque proibitivo, perche' sti canetti sbucano da tutte le parti.
E se per sbaglio il guinzaglio ti sfugge di mano e il tuo cane, vaccinato e non pericoloso, si avventura all'interno della proprieta' dell'"Issu", ovviamente non recintata, allora ti tocca come minimo discutere.
Gli "Issu" sono tutti "mezzi parendi". Questo fa si che se non tagli l'erba del tuo giardino, l'"Issu" confinante se ne risente, ma se il dirimpettaio "mezzo parende" ha un ettaro di terreno con sterpaglie piu' alte di due metri, e' solo perche' "Issu, lu mezzu parende" e' tanto impegnato.
"Issu" non ha tante alternative, se vuole svagarsi un po': alla fine, l'unica risorsa e' il centro commerciale, caldo d'inverno e fresco l'estate. Allora la domenica "Issu" si veste alla moda, jeans calati sotto le mutande, infradito, canotta, vello in bella mostra, catenone, occhiale da sole da 250 euro. Piglia il Fiorino, e si va a fare una passeggiata per negozi, parlando con i "mezzi parendi" che incontra di vacche e di metodi innovativi di utilizzo dell'eternet.

Se penso che una delle mie figlie potrebbe un domani innamorarsi di un "Issu", mi viene voglia di raderla al suolo. Sta cazzo di TERRA DEGLI ISSU.

venerdì 31 agosto 2007

Oscillazioni


Fibrillo.


Vibro come una gomena tesa in aria tra due piloni quando il vento soffia forte.


Eppure l'aria e' cheta, calda, appicciosa.





Stasi.




E mi ricordo quando tentai di spiegare il concetto di segnale televisivo ad un mio prozio allora gia' ultra ottantenne, quinta elementare, una lunga prigionia in Grecia durante la Seconda Guerra Mondiale a corredo di un curriculum vitae da semplice agricoltore.

Ero abbastanza ottimista non tanto nelle mie capacita' di esporre un concetto tanto complesso in parole semplici, quanto nelle capacita' intuitive del mio interlocutore, che detto per inciso conosce per intiero l'Inferno di Dante, a memoria... non so se mi spiego.


"Vedi, zio, ogni puntino che tu vedi sullo schermo... in qualche modo quello viene portato da un segnale che vibra ad una frequenza velocissima..."


"Vibra velocissima? Allosa se je guardi tu la vedi ferma!"

Stupii, ma non piu' di tanto.


Stasi, dicevo.

Ma sono io che fibrillo mentre tutto e' fermo, oppure intorno a me la vita oscilla ad alta frequenza, tanto da apparirmi immobile mentre in realta' e' in preda da un entropico parossismo?


Sono io che mi devo dare una mossa?

Fibrillo....




lunedì 27 agosto 2007

Se ricomincia


Bisognava decidese.

Qui in quattro e quattr'otto, ce catapultano dalle Mauritius al Grande Raccordo Anulare, manco fossero dotati de teletrasporto.

Dai barbecue sulla spiaggia alla griglia quotidiana in mezzo alle lamiere der caos totale per arrivare al lavoro.

Hanno cominciato cor campionato de calcio. Quanno comincia er campionato, me pare che cominciano a casca' le foje da li rami. Invece de scenne in spiaggia, accenni la tivvu', e te arincojonischi de pallone, mentre er governo e i suoi Prodi te preparano er sughetto con drento l'animelle de li mejo m... loro.

Mo aricominceremo a comprasse er Corriere de lo Sport, invece de leggeselo aggratise ar bar la mattina alle 10 quanno inverecondi facevamo colazione co' l'occhi intorcinati de cipiccia.

E senza rennecene conto ner giro de quindici giorni ce faranno aricominincia' le scole, pe' dacce finarmente una raggione der perche' sur Raccordo, pure se ormai e' a tre corsie, ce sta casino a tutte le ore.

Ce stavano tutte le condizioni pe' prenneli in contropiede, stavorta.

Me ritiravo ar paesello.

Buttavo armeno due dei tre catorci con cui me movo de solito, e me mettevo a fa' er pendolare in treno.

E le regazzine cresceveno in un paradiso. Artro che quartieri o interi paesi dormitorio. Er paradiso.

Ma nun se po' fa'.

Perche' Barbara, nun ce la po' fa' da sola con tutte e tre. E nun je so' da torto.

Me ce rode che pure quest'anno hanno arivinto loro. E comincio a stufamme de dove' sempre partecipa', e mai 'na vittoria.

Speramo che armeno la Roma se porti a casa er campionato.

Amen.


lunedì 13 agosto 2007

Succo di limone

Quann'e' che la machina te po' da' probblemi?
Ma la settimana de Ferragosto, ovviamente!
Er bilancio familiare vede attualmente:
1. Scooter-truffa che pare cammini ma necessita revisione, certo che dopo aver trovato l'impianto dei fari anteriori realizzato coi fili dell'impianto stereo (m'e' praticamente annato a foco) a mettece sopra er sedere e' come scommette 1000 euri che er Napoli vince lo scudetto.
2. Renault Clio, motore nuovo nuovo, che nun parte perche' er sottoscritto nun l'ha accesa per tre settimane. Anche se partisse, cia' pure questa bisogno de la revisione, ma cia' er fanalino posteriore sinistro rotto e le spazzole dei tergicristalli che grattano come uno che cia' la rogna, quindi, artri sordi...
3. Dulcis in fundo, la station wagon decide ieri mattina de presentasse all'appello con la batteria misteriosamente e inaspettatamente scarica. Ho trovato un poro Cristo coi cavetti, l'avemo riaccesa, dopodeche' l'ho parcheggiata in alta montagna in cima a una discesa de mezzo chilometro e pendenza da camoscio, a circa 15 minuti a fette da casa, che se stamani non partiva me veniva da ride pe' nun piagne fino alla riapertura dell'unico elettrauto der paese, che piu' o meno avverrebbe alla vendemmia.

Dice, studia, che te fai un futuro... ma che futuro, si facevo er meccanico avevo risparmiato 10 anni de Universita' e adesso, pe' anna' in ferie, me bastava becca' quarche poveraccio, inventamme che la machina sua cia' bisogno de rifa' la batteria quanno ciavesse solo un filo staccato, e vai alla Vartur du' settimane co' tutta la famija...
A mi' cognata, che ha portato la macchina a fa' la revisione, siccome era un amico ha deciso che doveva cambia' tutt'e quattro le rote e nun so che altro, totale 500 euri poprio prima de anna' in ferie, altro che LastMinute, qui' ogni momento e' quello bono...
La verita' e' che qui tra multe, tasse, benzina alle stelle, meccanici paraculi, rivenditori fiji de bona madre, accise e acci loro, avecce la macchina o un quarsiasi mezzo de trasporto e' diventato un lusso pure pe' uno che come me nun e'che guadambia poco.
Semo come li limoni, da spreme fino all'urtima goccia, e poi lascia' a secca' sur davanzale, che cosi' armeno non ce se magneno le formiche...

martedì 7 agosto 2007

Tramontana



La tramontana, a Marta, e' signora incontrastata e incontrastabile.
Appare all'improvviso, e si impadronisce della tua vita.
E' il motore del lago e della vita del paese: detta le regole, gli orari, la moda, il lavoro e il tempo libero.
Anima le acque di una forza sovrumana: le onde si abbattono sul muraglione impetuose, si frangono e si ricompongono mai esauste.
E' un vento prepotente, ma buono: in tanti anni di tramontana, mai preso un raffreddore. Nemmeno d'inverno, quando le perle d'acqua si gelano sui rami spogli e disegnano un paesaggio cristallizzato. Un mondo che si congela nello spazio e nel tempo.
La tramontana, a Marta, ha vinto l'afa sfissiante di questa estate feroce.
Ha scompigliato i capelli delle mie bambine cosi' come tanti anni fa scompigliava i miei.
Ha soffiato via le malinconie ridando loro vita. Ha raffreddato l'epidermide, ma ha riscaldato il cuore.
Passeggio sul lungolago incurante delle raffiche impetuose di questa tramontana agostana. E la forza del vento e' la mia forza, il suo urlo i miei sussurri e le mie parole d'amore per la mia terra e le mie umili origini.

venerdì 3 agosto 2007

La liberazione e' vicina

Come tutti li santi primi fine settimana de agosto, ecchiteli che i testimoni de Geova se movono in massa pe' fa' er raduno nazzionale gnentepopodemeno che allo stadio Olimpico de Roma.
E siccome er destino infame vole che, de riffa o de raffa, io davanti a sto' stadio ce devo da passa', si permettete, me rode eccome.
Due anni fa, e pure l'anno scorso, ho beccato in pieno l'uscita de sta manica de esaltati con i loro salmodianti torpedoni. E cosi' ar traffico consueto del venerdi' sera, con aggiunta tanto per gradire dell'esodo agostano, ce se mette sopra er carico da undici de na bella fila caotica appena uscito dall'ufficio.
Ah, ma quest'anno me so' informato, ho studiato, e strateggicamente, se il Signore me assiste, me ne scappo almeno du' ore prima dell'ufficio.
E se riesco a evita' de svenamme l'esistenza (che poi manco le trasfusioni te farebbero fa') della colonna infame de autobus da Ponte Milvio all'autostrada, me ne vado bello bello al lago, dalle mie figlie e perche' no, pure da mi moje.
Insomma, davvero... se Dio vuole, la (mia personale) Liberazione e' davvero davvero vicina.

martedì 31 luglio 2007

Ho regalato i sordi a Berlusconi


Eccomi qua, fresco fresco di ritorno dalle ferie e scopro che la mia carta Mediaset Premium e' scaduta.

Guarda caso, ce stavano ancora 45 euri di credito residuo che, ah beata ignoranza, non sono rimborsabili ne' caricabili su una nuova carta.


Ovviamente, da buon pecorone, non potendo fare a meno de vedemme l'italico pallone, ho teste' provveduto ad acquistare nuova carta e nuovo credito per la stagione a venire.


Voi mette la soddisfazzione de ave' fatto quasi 50 euri de elemosina all'uomo piu' ricco d'Italia?


Come disse la volpe all'uva...

giovedì 26 luglio 2007

Rimini

Quarant'anni, e mai stato a Rimini.
Nemmeno quando ero giovane, che il crine non difettava, la pancetta non si paventava e si dormiva talmente poco che una pensioncina Miramare qualsiasi sarebbe andata piu' che bene per appoggiarci le valige, farsi una doccia dopo un bel bagno di sole e mare, e tuffarsi a capofitto nello sport preferito di "cuccare" qualche gentile pulzella proveniente da qualsiasi parte del mondo...
Mi e' rimasto, questo rimpianto, cosi' come d'altro canto e' rimasta Rimini.
Capace di attrarre tutte le generazioni con quella cacofonia di arte, cibo, divertimento, mare con tanto di bandiera blu e le iniziative piu' disparate.
Pronta ad accogliere il turista con cortesia, gentilezza, disponibilita' e tutte le arti che solo i grandi operatori turistici, ristoratori, gestori di "bagni", discoteche, piadinerie e sale giochi sanno mettere in campo per invogliarti ad andarci, e poi a tornare ogni volta che puoi.

E se certamente qualcosa ho perso assieme alla capigliatura dei bei tempi, non mancherebbe l'occasione di vivere e respirare i profumi e i colori di una Riviera che sa mantenere le sue promesse e inventarne sempre nuove.
Come sono lontane e vuote le parole di una celebre canzone di Guccini del 1983, "Inutile", che trasporta il naufragio di un amore e lo esteriorizza nel paesaggio che lo circonda...
"A Rimini la spiaggia com'e' vuota, quasi inutile di Marzo"

E proverei allora a mutare la rotta, a far entrare l'entusiasmo della Rimini feconda, gioiosa, attiva, entusiasta, spensierata ma anche responsabile e a invertire per osmosi il flusso delle nostre tristezze...
Per riempirlo di quella serenita' e entusiasmo che, amore mio, ci vedono insieme da piu' di vent'anni ad affrontare la vita assieme, d'estate e d'inverno, e a riscaldarci il cuore.

Guida Hotel Rimini

martedì 24 luglio 2007

Ad Annarita


Come al solito, ci incontriamo quasi per caso.
E come ogni volta, e' bellissimo ritrovarsi vicini, come se il tempo non fosse mai passato.

Sei ancora quella cara amica che, reduce da una penosa affezione ai bronchi, passava la sua giornata ad illuminare la sua stanzetta, nella quale ci si riuniva anche se fuori c'era il sole, il lago, le bici, le vacanze.


Sei quella matta con la quale ascoltavamo tanta musica, e tanta ne cantavamo, e tantissima ancora ce la appiccicavamo addosso come le maschere e i travestimenti di un Renato Zero che ammiravamo e amavamo tanto anche quando non era l'idolo delle mamme.


Quella che c'era sempre quando si andavano a tagliare i fili che ci legavano alla chiusura di un paese piccolo in cui il mormorio della gente era sempre piu' alto del rumore delle onde del placido lago che lo bagna.

Come tante e troppe cose nella mia vita ho lasciato che il quotidiano trascendesse il sogno, che il reale sopravanzasse il mito, che la banalita' irrompesse nei valori piu'alti.

Il non averti perso nonostante questo mi dimostra i miei errori, ma anche il valore immenso della nostra Amicizia.

E mi sento un po' come quegli artisti del Trapezio, che alla fine di ogni numero guardano in alto, a ringraziare di esserci ancora...


E mi immagino di venirti a trovare, mentre riposi stavolta non per il male, ma per quel grande dono che una volta hai perso, e ora hai ritrovato. E metteremo un disco che ci commuovera' un po', ma brinderemo alla gioia per lo splendido regalo che sta crescendo nella tua vita...

E gia' so' che gli vorro' bene, come tanto ne ho voluto (e ne voglio!) a te.

domenica 15 luglio 2007

Animazione


La chiamano "Baby Dance".
Ce credo. Ha animato ste du' settimanelle de ferie ar mare. L'occhi ballavano de sicuro.
Er resto, semplicemente spettacolare.
Me rimane un solo dubbio: ma er coccodrillo, come fa? Boh...

lunedì 25 giugno 2007

La luna ci insegue


"Babbo!"
"Dimmi amore!"

"La luna ci insegue.."

La via Cassia sfrigola sotto le ruote della mia macchina, i fari abbaglianti del controesodo domenicale rischiarano l'abitacolo a giorno, e l'aria condizionata non si puo' accendere anche se faranno 30 gradi qui dentro, perche' senno' le piccole si beccano un raffreddore.

"Davvero amore? Chissa' come mai la luna si e' messa in testa di inseguire proprio noi..."
"E' cosi' babbo, guarda, ci viene proprio dietro..."

Mi aspetta una settimana d'inferno prima delle due settimane al mare. Chissa' domani che traffico per arrivare al lavoro in macchina.

"Babbo..."
"Dimmi amore.."
"La luna se ne e' accorta che noi lo sapevamo che ci stava seguendo'
"Accipicchia 'sta luna... e come mai se ne e' accorta?"

Speriamo che 'sto mese arrivi la stramaledetta gratifica che il barile e' asciutto...

"Non lo so, pero' adesso s'e' nascosta dietro una nuvola per non farsi accorgere che ci segue"

Ma si' chi se ne frega. Pensiamo a scrollarci di dosso 'sta luna impicciona, va...

Ti voglio bene tesoro.

mercoledì 20 giugno 2007

Colonne (sonore) N. 2 - Supertramp

Se c'e' stato un disco in vinile che ho arato come un campo de granoturco, questo e' stato "Breakfast in America" dei Supertramp.
Tra l'altro, l'unico disco che dietro pressanti insistenze prestai ad un compagno di liceo, e che ovviamente mi fu restituito eoni dopo rigato come un gessato, anzi, per essere precisi, come un quadrettato a quadretti pure piccoli...

Una canzone in particolare mi ha sempre segato il cuore manco fossi David Copperfield, e' stata "Take The Long Way Home"... da non ascoltare mentre torni dal lavoro, in fila sulla Salaria, con la cravatta a capestro e le faccenne de casa che te aspettano... non proprio quello che sognavamo da ragazzi...




TAKE THE LONG WAY HOME


So you think you're a romeo
Playing a part in a picture-show
Take the long way home, Take the long way home
'Cos youre the joke of the neighborhood
Why should you care if youre feeling good
Take the long way home, Take the long way home

But there are times that you feel you're part of the scenery
All the greenery is comin down, boy
And then your wife seems to think youre part of the furniture
oh, its peculiar, she used to be so nice.

When lonely days turn to lonely nights
You take a trip to the city lights
And take the long way home, Take the long way home
You never see what you want to see
Forever playing to the gallery
You take the long way home, Take the long way home

And when you're up on the stage, its so unbelievable,
Unforgettable, how they adore you,
But then your wife seems to think youre losing your sanity,
Oh, calamity, is there no way out?

Does it feel that you lifes become a catastrophe?
Oh, it has to be for you to grow, boy.
When you look through the years and see what you could have been
oh, what might have been,
If you had had more time...

So, when the day comes to settle down,
Who's to blame if you're not around?
You took the long way home, You took the long way home...........

Vacanza fuori ordinanza

Che forza!
Ieri babbo non e' andato al lavoro (ha fatto sega, dice lui) perche' consegnavano la mia pagella di I elementare. Sono stata promossa e ho anche migliorato i voti del primo semestre, cosi' per regalo ci ha portato alle Terme di Cretone.
Un posto davvero fichissimo!
Avro' fatto almeno duemila tuffi, mentre babbo pareva un camaleonte perche' con un occhio controllava me, con l'altro Donatella nella piscina dei piccoli.
Io gliel'ho detto che gli voglio bene tanto tanto tanto tanto tanto... anche se e' un po' rompicojoni... me la sono scampata solo perche' ero stata cosi' affettuosa... ma la parolaccia...:(

lunedì 18 giugno 2007

Tipini Fini

Pure lui, ber tipo.
Avemo fatto carte farse contro er divorzio. Semo annati in Chiesa pure er lunedi' mattina pe' acchiappa' li voti de li cattolici ferventi, quelli che te pregheno davanti e te ingroppeno di dietro.

Cui Prod(est).
Tu Quoque, Gianfrancus, Fini mii.