Se quello che capita a una famiglia come tante non ti basta, c'e' sempre Google!

lunedì 21 dicembre 2015

Sermone di Natale 2015






Quanno che manca poco al giorno de Natale
davanti a Pietro giunge un ospite speciale:
le corna sulla testa, er fiato puzzolente
ar paradiso bussa er Re detto Serpente.

"Apri che devo esse der Capo tuo ar cospetto!"
San Pietro resta un attimo attonito e interdetto
chiede nell'interfono, e resta senza parole
quanno che vien concesso ciò ch'er Diavolo vuole.

Er Padreterno attende nella sala riunioni
je ce mancava solo sto rompimento de cojoni!
Erano duemillenni o forse più
che nun c'aveva visite dar poro Belzebù.

"Che voi? che te succede? lo sai che sò impegnato
sti giorni sò teribbili davero, sto infognato!"
"O Dio che me contendi le anime mortali
credime, te capisco, sò giornate infernali

Er gioco de parole ce sta davero tutto
se me rivorgo a te vor dì che sò distrutto.
Vedi... prima ce stava er solito viavai
ladri e assassini a raffica, era la prassi ormai

Ma urtimamente guarda, nun je la faccio più
per questo a te mi volgo, oh Dio pensace tu!
Ormai l'inferno è pieno de altissimi prelati
che de reati immondi inver si son macchiati

per non parlare poi de tutta quella gente
che pè li mejo posti me offre 'na tangente;
ho perso er conto pure de quelli prenotati
lo sai che Bruzzi é in lista, e pure Carminati:

pè loro m'é arrivata ai piedi de lo scranno
pure la raccomandazione de Alemanno!
E la finanza tossica che ammazza li cristiani
sui conti dell'Inferno ce vò mette le mani...

Pe accoje sta marmaglia già dal mese scorso
ho messo in piedi un triage come ar pronto soccorso:
se tanto me dà tanto, se tu non soprassiedi
c'avrò a disposizione soltanto posti in piedi!"

Er Padre trafelato scuote er capoccione
coll'occhio sulla fronte a valutar la situazione
Ma a Lui che tutto vede e su dal cielo scruta
la situazione esposta non gli è sconosciuta.

"Re delle malebolge te capisco
e a ditte er vero un pò de compatisco;
la crisi che attanaglia da un pò la Terra tutta
è grave e pure io ormai la vedo brutta.

Sappi che anch'io che governo il firmamento
non attraverso proprio un bel momento:
e guarda che soltanto tra una manciata d'ore
devo rimannà in Terra Gesù Nostro Signore

e ce lo sai benissimo che il Figlio prediletto
in Siria ebbe in natali e crebbe pargoletto.
Ma al giorno d'oggi ar posto de pecore e pastori
ce stanno i terroristi, davero, son dolori

e me verrebbe voja de mannà tutto a monte
de dije "cazzi vostra" e lascialli de fronte
a sto macello assurdo, ma l'Eden lo ricordi?
L'hanno sbracato tutto in nome de li sordi.

Famo così: passata la buriana
de questo santo fine settimana
faccio una legge , Berlusconi insegna
fatta ad personam per chi su tutto regna

Vada all'inferno solo chi t'ammazza
in nome della religgione o razza,
chi frega i sordi alla povera gente,
chi può far tanto e invece nun fa gnente

Si ce lo sò che in questo modo, invero
te becchi quasi tutto quanto il clero
e tutti i capoccioni incravattati
che s'onorano de esse deputati.

Ma er diavolo sei tu, e io sò Iddio
per cui le leggi le stabbilisco io!
Invece tutti l'artri dispongo e così sia
avranno in dono 'na bella amnistia

cosi' tu c'avrai spazio, e io in maniera equanime
avrò risolto tosto la crisi delle anime.
Così ho deciso è questa la sentenza
faremo spazio al tuo centro d'accoglienza!

Mo' levate de torno, riscenni nell'abbisso
che io c'ho da fà nasce chi verrà crocifisso
ce crederanno quattro gatti, poco male
ma anche quest'anno, giù, sarà Natale!"

venerdì 19 dicembre 2014

Er Sermone de Natale 2014

Dopo 'mpar de millenni de vacanza
j'era cresciuta puro un pò la panza
ormai annoiato da putti in bianca veste
Gesù se presentò ar Padre suo celeste

"Te prego io nun je la faccio più
famme er favore, rimanname laggiù
se li lassamo soli nun c'é verso
che ritrovino la strada c'hanno perso"

Er padre uno e trino ma non per questo stolto
subbito se fece scuro scuro in volto
guardanno sto figliolo un pò panzone
se fece prenne da la commozione

"Ma dico nun bastarono li chiodi,
l'amaro fiele e le vacue lodi
pè prenne finalmente conoscenza
ch'è gente che je manca la coscienza?

Guardali sti romani fanfaroni
ch'er monno ebbero sotto i talloni
guardali mentre che raschiano er barile
senza vergogna manco in un porcile

li zingari, i trasporti, l'immigrati
le strade, l'areoporti, li sfollati
abbasta che ce sta mezza piotta
che arriva primo er fijo de 'na mignotta

J'ho dato tutto, li commannamenti
un monno ricco de arberi ed armenti
e già 'na vorta per amore loro
ho mannato a lo scanno un fijo d'oro

Chi m'ha rappresentato ha fatto scempio
pure coi regazzini er prete empio
ner nome mio e ner tuo dietro all'altare
j'ha fatto piagne le lacrime più amare

Te dico fijo mio che pè Natale
nun trovi posto manco all'ospedale
che questi a casa stanno tanto stretti
che nun trovano er posto a li vecchietti

Senti che famo, ce sta n'antro posto
che gira ne lo spazio un pò nascosto
mò prima che te cresce ancor la panza
me ce metto de impegno e de costanza

li mari i laghi i monti li so fare
er cielo cò le stelle a illuminare
er sole callo, l'aria profumata
de bestie e de agrumeti n'infornata

così ricominciamo dall'inizio
e senza che devi soffrì er supplizio
ce mettemo du esseri normali
magara senza organi sessuali

che er sesso pure é stata 'na schifezza
hanno insozzato puranco la purezza
dimme fijolo mio, che te ne pare?
anzi dimme, che nome je voi dare?"

Er Cristo dalla barba incanutita
rimase colla faccia inebedita
poi coll'amore granne, e con orgoglio
rispose: "Terra! è il nome che io voglio!"

Dio allora s'arrese all'amore filiale
prese lo spurgo grosso e levò il male
arimanette poco ma mejo d'avé gnente
restituì la Terra alla sua gente

Er desiderio primo dell'omo esacerbato
in una notte fu così avverato
certo era un sogno e forse resta tale
ma pure é er sogno mio, pè sto Natale.